Il presidio dell'Anguilla dei laghi della Tuscia

E-mail Stampa PDF

"... e quella faccia di là da lui più che l'altre trapunta ebbe la santa Chiesa in le sue braccia: dal Torso fu e purga per digiuno l'anguille di Bolsena e la vernaccia" (Purgatorio, XIV, 19-24).La testimonianza più celebre è quella di Dante nella Divina Commedia che cita l'anguilla di Bolsena parlando del suo più celebre estimatore, Papa Martino IV, passato allastoria più per i peccati di gola che non per le sue capacità di pontefice e che pare fosse così appassionato di anguilla da morirne per indigestione.
Citazione letteraria a parte, la pesca nei laghi del nord del Lazio, soprattutto dell'anguilla è una pratica che vanta secoli di storia e una tecnica di pesca ancora completamente tradizionale.
Ancora oggi a Bolsena si può aver occasione di vedere le barche da pesca dal tipico scafo piatto, ampio e di forma triangolare: sono imbarcazioni di origine etrusca lunghe circa 6 metri un tempo costruite con legno di cerro e olivo.
Ogni anno dal mese di settembre vengono posizionate nei laghi di Bolsena e di Bracciano le grandi nasse allungate chiamate altavelli dove rimangono imprigionate le anguille argentine, cioè le anguille che hanno raggiunto la completa crescita e maturazione sessuale, un processo di trasformazione che impiega almeno una decina di anni per giungere a compimento e che è facilmente riconoscibile all'occhio anche dei meno esperti per la grandi dimensioni raggiunte dall'animale e per il cambio di livrea che diventa prevalentemente bianco, o meglio argentino.
La stagione di pesca delle argentine si protrae fino a dicembre, sono i mesi in cui le anguille argentine emergono dai fondali e nuotano in superficie seguendo l'innato istinto che le porterà a percorrere le correnti fino a raggiungere il mare e dirigersi verso il Mar dei Sargassi per riprodursi.
Le nasse sono un metodo di pesca altamente selettivo che non cattura le anguille ancora immature che si muovono vicino al fondale ma cattura solo una parte delle anguille argentine, anguille che se non riuscissero a lasciare il bacino del lago sarebbero comunque destinate a morte certa essendo arrivate alla fine del loro ciclo vitale.

Il Presidio

Il Presidio coinvolge le cooperative locali che riuniscono una quarantina circa di soci "anguillari" dei laghi di Bolsena e Bracciano. Ogni giorno i pescatori recuperano le anguille ancora vive imprigionate negli altavelli e portandole fresche alla ristorazione locale e sui mercati di Roma oppure trasformandole.
La produzione del Presidio vuole infatti valorizzare le locali marinature di anguilla: tranci di pesce fritto in olio di oliva e lasciato marinare per circa un mese in aceto di vino bianco, spezie come aglio, salvia, rosmarino e un tocco di peperoncino.
L'obiettivo del progetto è quello di limitare la pesca sui laghi alle sole argentine, rispettando i loro naturali cicli di pesca, da fine settembre a dicembre, in modo da non creare danni alla popolazione di anguilla dei laghi e permettendo ai consumatori di gustare il prodotto marinato nei mesi successivi.
Il Presidio dell'anguilla dei laghi della Tuscia vuole anche garantire la giusta remunerazione ai pescatori per il prodotto fresco, prodotto che non sempre viene riconosciuto sul mercato locale ma venduto insieme a quello proveniente da altri paesi del Mediterrano o dell'Europa del Nord ad un prezzo che non ripaga il paziente lavoro giornaliero.

Area di Produzione
Lago di Bolsena (provincia di Viterbo) e lago di Bracciano (provincia di Roma)

Stagionalità
la pesca delle anguille argentine si effettua da settembre a dicembre, il prodotto trasformato può essere reperito sul mercato anche nei mesi successivi, fino alla primavera.

 

 

Condividi
You are here Presidi Anguilla dei laghi della Tuscia